fbpx

Categoria: Antipasti

Ingredienti

  • Farina di farro 130 g
  • Farina integrale 120 g
  • Semi di girasole 90 g
  • Semi di lino 100 g
  • Semi di sesamo nero 90 g
  • Semi di sesamo 60 g
  • Olio extravergine d’oliva 150 g
  • Acqua 130 g
  • Sale fino q.b.
  • Fiocchi di sale q.b.

Preparazione

Cracker ai semi, passo 1

Per preparare i cracker ai semi in una ciotola capiente raccogliete farine e semi: la farina integrale e di farro, poi versate anche i semi di girasole, i semi di sesamo, sesamo nero (1), i semi di lino (2) e i semi di chia (3).

Cracker ai semi, passo 2

Mescolate il mix (4), aggiungete il sale (5) e l’olio extravergine d’oliva (6).

Cracker ai semi, passo 3

Mescolate per far assorbire, poi verate l’acqua (8). Continuate a mescolare con il cucchiaio di legno, poi proseguite a mano. Una volta ottenuto un impasto consistente, dividetelo in 2 parti uguali per realizzare due infornate. Adagiate una parte su un foglio di carta forno (8), appiattite con le mani e coprite con un altro foglio di carta forno (9).

Cracker ai semi, passo 4

Stendete ora con il matterello fino a uno spessore di un paio di millimetri (10). La forma risulterà un po’ irregolare ma non preoccupatevi. Spostate l’impasto steso su una teglia da 35×28 cm e eliminate il foglio di carta forno superiore (11). Fate i necessari aggiustamenti per rendere uniforme: staccate l’impasto nei punti in cui è in eccesso per aggiungerlo dove manca. Appiattite bene con le mani (12) per ottenere un rettangolo uniforme.

Cracker ai semi, passo 5

Come ultima cosa, cospargete con sale in fiocchi a piacere (13). Cuocete in forno ventilato preriscaldato a 180° per 13-15 minuti. Sfornate e tagliate in rettangoli di dimensioni a scelta (14). Nel nostro caso abbiamo ritagliato pezzi da 7×9 cm, ma regolatevi secondo il vostro gusto e la vostra teglia, potete anche spezzare a mano i cracker per forme irregolari. Infornate di nuovo stavolta per 4-5 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare completamente i cracker ai semi (15).

Conservazione

Per conservare al meglio i cracker ai semi consigliamo una scatola di latta: si conservano così per 4-5 giorni.

Sconsigliamo la congelazione.

Consiglio

I semi si possono variare a piacere, nelle proporzioni e nelle tipologie, attenzione solo ai semi di chia perché hanno un comportamento molto diverso dagli altri e tendono ad ammorbidire troppo l’impasto. Il loro inserimento rende i cracker meno croccanti e più tendenti al friabile, un effetto che molti potrebbero trovare apprezzabile. Per effettuare questa variazione sostituite i 60 g di semi di sesamo bianco con uguale peso di semi di chia bianca e aumentate la dose di acqua portandola a 190-200 ml. Il composto inizialmente risulterà molle, lasciatelo riposare almeno 2 ore a temperatura ambiente prima di cuocerlo come da indicazioni ricetta.

L’olio si può sostituire con un olio di sesamo non tostato.

Oltre al sale in fiocchi possiamo arricchire la superficie dei cracker con erbe aromatiche a piacere.

Potete accompagnare i vostri craker con del burro al finocchietto: preparatelo facendo ammorbidire a temperatura ambiente del buon burro di centrifuga, poi lavoratelo in ciotola con finocchietto, pepe e sale a piacere. Potete rimetterlo in frigo, avvolto con carta forno, per ottenere un panetto di burro aromatizzato dal gusto nordico, perfetto anche con pane di segale, uova o salmone.

Commenti

  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: