fbpx

Dopo due anni di stop, torna a Cassino la Maratona di Primavera

SPORT – Il 25 aprile la kermesse festeggerà i 30 anni, dovevano essere celebrati nel 2020. Lo slogan è lo stesso del 1990, ed è più che mai attuale: “Facciamo fiorire la Pace nel mondo”

Dopo due anni di stop forzato a causa delle restrizioni imposte dalle norme anti Covid, il 25 prossimo 25 aprile per le strade di Cassino tornerà lo storico “serpentone” della Maratona di Primavera. E la festa sarà doppia: per il ritorno della storica manifestazione, intanto. Ma anche per il 30° compleanno. Tre lustri che la Maratona avrebbe dovuto festeggiare nel 2020 dal momento che la prima edizione della kermesse risale al 25 aprile 1990. Ma due anni fa l’intero Paese era in lockdown il 25 aprile e la maratona venne “celebrata” con la consegna di 500 mascherine da parte del Cus Cassino al Comune di Cassino. Presente solo il presidente del Centro Universitario Sportivo Carmine Calce con una delegazione del Cus e il sindaco con alcuni assessori.

“La festa per il 30 anni sarà rimandata al 2021” ebbe a dire il presidente Calce. Ma anche l’anno scorso le norme impedirono di far ritrovare migliaia di persone in piazza e la maratona divenne dunque virtuale, con un concorso indetto tra gli istituti scolastici. Quest’anno – pur con le precauzioni che il periodo post pandemico ancora impone – la Maratona tornerà invece la maratona torna in presenza, per le strade della città. La festa dei trent’anni sarà la festa della ripartenza.

Battesimo di fuoco per il neorettore dell’Unicas Marco Dell’Isola che sarà in prima linea al fianco del sindaco Enzo Salera, dell’abate di Montecassino Dom Ogliari e di tante altre autorità civili, militari, ed ecclesiastiche. Main sponsor come sempre è la Banca Popolare del Cassinate: per la prima volta non ci sarà lo storico presidente Donato Formisano, che in quella giornata verrà omaggiato e ricordato da tutti.

Era il 1990 quando, per la prima volta, il Cus Cassino in sinergia con l’Abbazia e l’Università pensò di dar vita a un evento dedicato alle famiglie al centro di Cassino. Da allora, ogni anno a Cassino il 25 aprile è sinonimo di maratona di primavera.

Bambini, giovani e meno giovani, da qualche anno anche i disabili: tutti uniti per un giorno di festa. E forse non c’è modo migliore per festeggiare la Liberazione: vedere la gioia dei bimbi e degli adulti che in bici, o a piedi, percorrono i 6 km e poi si godono la villa comunale con canti, balli e giochi. 

Il ritrovo, come sempre, è il 25 aprile alle ore 9 davanti la villa comunale. All’interno della maratona si inserisce anche il 26° trofeo Abbazia di Montecassino. «Si tratta – spiega il professor Carmine Calce – di un modo per far sì che la maratona non sia solo sport, ma anche attenzione al sociale

. Noi come Cus siamo molto sensibili a tale tematica. Per festeggiare i 30 anni cercheremo di avere con noi l’ex abate di Montecassino Fabio D’Onorio e suor Claudia che insieme alla professoressa Fiammetta Mautone e all’attuale assessore allo Sport Maria Concetta Tamburrini sono stati gli ideatori della Maratona di Primavera». Sullo sfondo, oggi come 30 anni fa, lo slogan ideato nel 1990 per la prima edizione della maratona di primavera: “Facciamo fiorire la pace nel mondo”. Uno slogan che è oggi più attuale che mai.

L’articolo Dopo due anni di stop, torna a Cassino la Maratona di Primavera proviene da LeggoCassino.it.

Commenti

  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: