fbpx

Eutanasia, Pop Cassino non si arrende: una mozione in Aula

IL CASO – Verrà presentata dal consigliere Riccardo Consales. L’associazione: “Vogliamo che l’amministrazione Comunale esprima il suo sostegno alla campagna di sensibilizzazione sul tema del diritto di fine vita, come d’altronde sta avvenendo in altre città italiane”

Il 15 febbraio 2022 la Corte Costituzionale ha valutato inammissibile il quesito del referendum sulla depenalizzazione dell’omicidio del consenziente. Secondo i giudici della Consulta «non sarebbe preservata la tutela minima costituzionalmente necessaria della vita umana, in generale, e con particolare riferimento alle persone deboli e vulnerabili”, respingendo così la proposta dell’Associazione Luca Coscioni che attraverso un referendum sostenuto e promosso anche dai Radicali Italiani, avevano raccolto oltre 1 milione e duecentomila firme su tutto il territorio nazionale. 

Tuttavia la decisione della Corte Suprema non ha scoraggiato i radicali dell’Associazione Luca Coscioni e le tantissime associazioni che hanno sostenuto la campagna, né i cittadini che hanno aderito alla raccolta firme.

Come POP Cassino abbiamo aderito alla campagna di raccolta firme per il referendum a sostegno di tutte le persone gravemente malate che ancora oggi, in un paese laico, non sono libere di scegliere fino a che punto vivere la loro condizione; persone che non hanno diritto all’aiuto medico alla morte volontaria, al suicidio assistito o ad accedere all’eutanasia come è invece possibile in Svizzera, Belgio, Olanda, Spagna, Canada, molti Stati degli Stati Uniti. 

Lo scorso 9 luglio abbiamo organizzato un banchetto di raccolta firme per l’Eutanasia Legale a cui hanno aderito moltissimi cittadini anche nel nostro territorio, per questo riteniamo che nonostante la Corte Costituzionale abbia respinto il referendum, la mobilitazione popolare sul tema dell’eutanasia richieda l’attenzione non solo della politica nazionale, ma anche della la politica locale, che ha il dovere di accogliere le espressioni dei propri cittadini.

Per questo attraverso la voce del consigliere comunale Riccardo Consales vorremmo proporre una mozione affinchè l’amministrazione Comunale esprima il suo sostegno alla campagna di sensibilizzazione sul tema dell’Eutanasia Legale e del diritto di fine vita, come d’altronde sta avvenendo in altre città italiane. Non possiamo e non dobbiamo arrenderci di fronte ad una scelta di civiltà nei confronti dei cittadini più deboli e delle loro famiglie.

L’articolo Eutanasia, Pop Cassino non si arrende: una mozione in Aula proviene da LeggoCassino.it.

Commenti

  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: