fbpx

“I tagli in ateneo? Siano a 360°, non solo sui dipendenti”

IL FATTO – La Cisl chiede un incontro urgente al rettore Marco Dell’Isola e al Direttore Generale Antonio Capparelli. Ecco cosa è successo

La Federazione Cisl Università della provincia di Frosinone, chiede un incontro urgente di contrattazione decentrata per discutere dell’orario di lavoro (art. 25 del CCNL 2006-2008, art. 26 comma 4 del CCNL 2016-2018  e sancito dal d. lgs. n. 66 del 2003).

In una nota a firma di Francesco Cuzzi,   componente dell’Esecutivo Nazionale , viene evidenziato quanto segue: “Si ricorda che la materia è propria della contrattazione decentrata e ogni suo cambiamento deve scaturire solo da un  accordo territoriale. 

Non si comprendono le motivazioni per le quali avvengono  cambiamenti di alcune regole già approvate senza il confronto con le OO. SS. e la RSU di Ateneo. 

Si chiede inoltre l’estensione della possibilità  di tipologia oraria delle 7,12 per tutti i dipendenti, senza limite in percentuale (come attualmente applicato),  con motivazioni forvianti e poco veritiere (mancanza di Fondi dovuti  al debito dei contributi pensionistici non erogati negli  2010-2014).

Se una amministrazione ha necessità di effettuare tagli lo deve fare e a 360 gradi e non solo sul personale TAB  che, già in assenza di CCNL ancora in approvazione, si trova in una situazione di disagio  economico. 

Inoltre, il dettato contrattuale, non limita tale beneficio ma lo lega alla funzionalità dell’ufficio.  Sicuri di un riscontro positivo, si coglie l’occasione per porgere distinti saluti. 

L’articolo “I tagli in ateneo? Siano a 360°, non solo sui dipendenti” proviene da LeggoCassino.it.

Commenti

  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: