fbpx

Il grande cuore di Cassino e Pontecorvo per i profughi ucraini

EVENTI – Oggi alle ore 16 nella sala Restagno la prima lezione della scuola di italiano a cura della BpC. Nella città fluviale il primo maggio la festa dei lavoratori diventa la festa della solidarietà. Ecco i dettagli

di Francesca Messina

Oggi alle ore 16 presso la Sala Restagno ci sarà la prima lezione della “Scuola di Italiano”, con l’ausilio di personale volontario, per i cittadini ucraini ospiti della città di Cassino promossa dalla Banca Popolare del Cassinate in collaborazione con il Comune locale. Invece  domenica 1° maggio, per il comune di Pontecorvo anche festa della solidarietà oltre a quella dei lavoratori, tutti in piazza. L’evento “Un ponte per l’Ucraina”, pedalata per la pace, è organizzato dalle Associazioni cittadine in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Il ticket di ingresso è di 5 euro per gli adulti. Offerta libera per i bambini. Anche stavolta i cittadini di Pontecorvo e delle città vicine risponderanno in massa alla chiamata e devolveranno la somma raccolta alle organizzazioni umanitarie già mobilitate per accogliere i profughi. Durante la giornata saranno previste molte attività, tra cui caccia al tesoro, teatrino, Baby Street Art, dj- set intermezzi, teatro e cabaret, esibizioni musicali.

A Pontecorvo invece tutti in piazza il Primo Maggio. “La Festa del Lavoro e dei Lavoratori sarà anche la festa della solidarietà. Stiamo raccogliendo ancora altre adesioni, saremo in tanti, daremo una forte testimonianza di pace e fratellanza”. Entusiasmo, spirito di servizio e condivisione: gli organizzatori di Un Ponte X l’Ucraina – evento promosso dalle associazioni cittadine insieme all’Amministrazione Comunale per raccogliere fondi in favore dei profughi – puntano al successo di partecipazione.      

“Il rinvio della manifestazione inizialmente programmata per aprile – spiegano gli organizzatori – è stato provvidenziale. Abbiamo aggiunto al programma della giornata nuove attività, come la pedalata amatoriale per la pace. In città si respira aria di grande attesa, in tanti si sono offerti di collaborare. Il clima è quello di una festa popolare. Ci auguriamo di avere con noi anche tanti amici dei paesi vicini. Più siamo, più concreta sarà la nostra solidarietà”.

Dal mattino, in piazzale Europa, si susseguiranno attività di intrattenimento per i più piccoli, attività ricreative e sportive per tutte le fasce di età. Il programma prevede orienteering, caccia al tesoro, baby street-art, rappresentazioni teatrali, spettacoli di cabaret, performance sportive, concerti musicali. Operativa anche una squadra di chef pronti a spadellare ai fornelli per preparare il pranzo e gli spuntini che saranno distribuiti ai presenti.

Il ticket di ingresso è di 5 euro per gli adulti. Offerta libera per i bambini.

Il grande cuore dei pontecorvesi ha sempre risposto con entusiasmo agli eventi di solidarietà, come in occasione del terremoto del 2016, quando fu raccolta e donata una somma di tutto rispetto al Comune di Amatrice. “Anche stavolta i cittadini di Pontecorvo e delle città vicine risponderanno in massa alla chiamata. Devolveremo la somma raccolta alle organizzazioni umanitarie già mobilitate per accogliere i profughi. A fine serata – anticipano gli organizzatori – comunicheremo l’importo della somma raccolta e quale ne sarà la destinazione”.

L’articolo Il grande cuore di Cassino e Pontecorvo per i profughi ucraini proviene da LeggoCassino.it.

Commenti

  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: