fbpx

Tornano le pagelle della domenica

I NOSTRI VOTI – La Resistenza canta Bella Ciao anche in Ucraina, ma in Italia il M5S ha perso la voce: il caso Segneri. A Cassino Leone si ritaglia il ruolo da leader e di mediatore mentre Terranova e Vizzacchero, più modestamente, restano concentrati solo sui loro quartieri

ENRICA SEGNERI

“Una mattina, mi sono svegliato, e ho trovato l’invasor”. La sinistra ha fatto propria Bella Ciao e l’ha intonata per molte cause. Sarà difficile, tra appena un mese, alla celebrazione del 25 aprile intonare questa canzone senza riconoscere che anche quella degli ucraini è una lotta di Liberazione.

In Italia il fronte progressista sembra però andare in direzione opposta. Ancora oggi il presidente del M5S Conte si è detto contrario all’aumento delle spese militari. Nei giorni scorsi la deputata della Ciociaria del M5S Enrica Segneri ha sottolineato: “Non credo che il Parlamento italiano debba sovraesporsi in questo modo rispetto ad altri parlamenti. Zelensky giustamente ha già fatto un incontro al Parlamento europeo, quindi non c’è bisogno di un collegamento con l’Aula italiana. Inviare armi per aiutare civili e bambini a non essere uccisi? Non sta funzionando, è necessario preferire la via diplomatica”.

Canzone stonata

VOTO 4

BENEDETTO LEONE

Piaccia o non piaccia – a molto della coalizione non piace – il Centrodestra nel 2024 dovrà fare i conti con Benedetto Leone e con la sua legittima ambizione di candidarsi a sindaco. Mario Abbruzzese gli ha spianato la strada in Consiglio comunale permettondogli di tornare alla politica attiva. E lui, dai banchi dell’opposizione consiliare, sta restituendo a Salera pan per focaccia mordendo l’amministrazione ai polpacci così come l’attuale sindaco fece nella passata consiliatura quando il primo cittadino era Carlo Maria D’Alessandro.

Benedetto Leone si sta ritagliando un suo spazio nella coalizione, ma soprattutto al di fuori. Cosa significa? C’è un’ampia area civica di centro e centrosinistra (rappresentata in assise da Salvatore Fontana e Giuseppe Golini Petrarcone) che mai e poi mai sarebbe disposta a sostenere Enzo Salera nel 2024. Allo stesso tempo quell’area politica non vanta ottimi rapporti con il Centrodestra: Benedetto Leone sta lavorando sin da ora per limare gli spigoli e provare ad avere il loro sostegno ponendosi quindi da pontiere. Il ruolo in Consiglio gli permette ampi margini di manovra e va quindi costruendo la sua leadership sul campo, giorno dopo giorno.

Il ruggito del Leone

VOTO 8

TERRANOVA E VIZZACCHERO

Edilio Terranova si è messo in posa a beneficio di Ciociaria Oggi per dire che “procede a gonfie vele l’iter per la messa in sicurezza di via Iannaccone nel quartiere San Bartolomeo” e che lui stesso “è sceso in campo per risolvere la questione”. Spiegando: “Dopo l’approvazione con il finanziamento ottenuto, si è passati alla fase della progettualità operativa. Ringrazio il collega consigliere Riccardo Consales che sta seguendo tutto l’iter partendo dalla progettazione, affiancando il servizio tecnico nei vari passaggi”.

Fabio Vizzacchero ha diramato una nota urbi ed orbi assicurando che “per le tumulazioni, attualmente non possibili nel cimitero di Caira in questo periodo e che vengono effettuate temporaneamente in quello di Cassino, verrà poi assicurato il trasferimento senza oneri per i familiari del defunto. Ci dispiace per il disagio – ha detto il consigliere – ma c’è tutto il nostro impegno per risolvere in via definitiva un problema molto sentito dalla nostra gente”.

Tempo fa avevamo dato l’insufficienza ai consiglieri spiegando che erano concentrati solo ed esclusivamente sui loro quartieri di interesse e di residenza, poco attivi sugli altri progetti e iniziative della (e per la) città. A distanza di qualche mese, dobbiamo ribadire quel voto.

Rimandati a settembre

VOTO 5

L’articolo Tornano le pagelle della domenica proviene da LeggoCassino.it.

Commenti

  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: